Campagnia soci 2021

Apriamo ufficialmente la “Campagna Soci 2021”. L’obiettivo è coinvolgere tutti i soci e i nuovi associati per far conoscere la nostra attività e condividere i principi e i valori che si racchiudono nell’ essere di Masada

Sostienici

187910558_4221376957912642_4582569688945085124_n

Masada Associazione Culturale

Masada è un posto. Il posto in cui puoi scoprire persone, metterti in gioco, fare esperienze, realizzare progetti

“Non vi è piacere uguale alla paura”

Stagione 2021-22

Nel romanzo Ectoplasm Clive Barker, definito da Stephen King come l’unico scrittore degno di succedergli, scrive: “Non vi è piacere uguale alla paura. Se fosse possibile sedere rendendosi invisibili fra due persone su di un treno, in una qualsiasi sala d’attesa o in un ufficio, la conversazione che potremmo udire non farebbe che girare attorno allo stesso argomento. In un primo momento, potrebbe certamente sembrare che la discussione verta su di un tema completamente diverso: l’economia nazionale, le vittime degli incidenti stradali, le parcelle sempre più salate dei dentisti. Ma tolte le metafore e allusioni, ecco che annidata nel cuore del discorso vi è la paura. Mentre la natura di Dio e la possibilità di vita eterna rimangono nel dimenticatoio, rimuginiamo tutti contenti le minuzie delle nostre miserie. La sindrome non conosce confini. In vacanza come al lavoro, si ripete lo stesso rituale. Con l’inevitabilità della lingua che batte dove il dente duole, ritorniamo pedissequamente alle nostre paure. Ne parliamo con la stessa bramosia di un uomo affamato davanti a un piatto colmo e fumante”.
Davanti al più buon ragù mai mangiato, più volte ci siamo chiesti: “Resisteremo? Abbiamo ancora le forze per andare avanti? Cosa sarà questo posto quando tutto tornerà sotto controllo?”. Intanto il salotto si era fatto sordo, il cortile polvere e ragnatele, i divani a trattenere il fiato. Andare avanti, per mesi; andare avanti ma verso dove? Resisteremo? Il caldo torrido è arrivato di botto. Abbiamo continuato a dare l’acqua alle piante, a ridare il colore a porte e finestre, a ogni parete, ma in che direzione andiamo? Poi rimettiamo a posto la serratura del cancello principale. Facciamo scattare l’interruttore e la porta si apre, spinta dal vento.
La paura è l’ombra dell’altro, di ogni altro; è lo spettro che non ci lascia mai soli. Ce lo leggiamo negli occhi a vicenda mentre in strada si vedono le prime macchine passare, le insegne illuminate, le serrande alzate. Le vie si rianimano ma sembrano ancora anemiche, affaticate. Si sente sferragliare da ogni parte. Decidiamo di lasciare la porta aperta, non si sa mai. Ci stendiamo a prendere il sole in cortile. Facciamo scorrere sottopelle le nostre paure, le lasciamo sbattere da uno sterno all’altro, le assorbiamo una volta disfatte e le sudiamo via. Abbiamo ancora paura dei nostri inverni, ma abbiamo anche un pò di coraggio per perdonarli.
Riparte la musica, si sentono le voci riempire il salotto. Guardiamo tutti un film sul divano e cominciamo insieme a trovare un nuovo modo di guardarci negli occhi. Potrebbe essere uno stratagemma efficace per non farci sopraffare dalla paura, ma lasciargli solo il giusto spazio? Davvero non c’è piacere uguale alla paura?
Inizia la stagione di Masada 2021/22.
Abbiamo ancora molte cose da raccontarci, no?

“Il mal di mare è un grande malinteso”

Stagione 2020-21

Poco prima dell’inizio dell’estate è stato pubblicato un articolo scientifico che spiega cosa sia la cinetosi, più semplicemente conosciuta come “mal di mare”, quali siano le cause e quali gli effetti, anche a lungo termine.
Il nostro corpo utilizza tre strumenti per permetterci di percepire la nostra posizione mentre ci muoviamo: gli occhi colgono ciò che abbiamo intorno; pelle, muscoli e articolazioni memorizzano le sensazioni che proviamo durante il movimento e i due orecchi interni fanno un controllo più approfondito delle due rilevazioni precedenti e, incrociando i dati, stabilizzano la vista e ci indicano dove sia il basso e dove sia l’alto. Durante una tempesta in alto mare il nostro cervello subisce un conflitto sensoriale: mentre il corpo e la vista percepiscono la barca come stabile, anche se sballottata, gli orecchi interni avvertono il movimento delle onde, in su e in giù, a destra e a sinistra e il nostro cervello non è più in grado di capire i segnali che gli vengono inviati. La sconnessione percettiva che ne deriva porta con sé una serie di effetti, che vanno dalla confusione alla nausea, dalla salivazione azzerata ai sudori freddi. Il mal di mare può quindi essere definita “una risposta naturale a condizioni innaturali”.
Un pò simile a ciò che ci è accaduto la scorsa stagione. Mentre leggevamo l’articolo, ci siamo accorti che il senso di affaticamento, di confusione e di percezione distorta dello spazio, tipico dei pescatori al ritorno sulla terra ferma, ci raccontava di come ci sentiamo noi, oggi, dopo l’onda dirompente della pandemia, il periodo di isolamento che abbiamo dovuto trascorrere e la vita che lentamente torna alla sua frequenza normale. Adesso il mal di mare è andato via, eppure qualcosa è rimasto: siamo sradicati, soffriamo ancora senza rendercene conto.
La stagione appena trascorsa è stata una stagione sospesa.
La stagione che sta per iniziare sarà una sfida per tutti.
Noi, durante la tempesta, siamo andati avanti con i lavori e ci siamo lasciati sballottare da nuove proposte e nuovi progetti. Ci siamo anche accorti che siamo diventati davvero tanti e che c’è bisogno di più spazio per allargare i nostri sogni. E così ci siamo fatti un regalo, abbiamo realizzato un desiderio che coltivavamo da tempo e che speriamo possa essere una sorpresa per tutti i soci e i sostenitori.
Masada è un posto ed è ogni legame creatosi tra le sue mura. Tra un mese ci rivedremo e ci saluteremo, forse rispettando nuove regole, ma l’incontro, questo lento riconoscersi e riavvicinarsi, sarà liberatorio e ci aiuterà a rimettere in sesto le nostre radici.
ctonic
salotto
classica
teatro

©2021 Associazione Masada - Viale Carlo Espinasse 41, 20156 Milano - P. IVA 08452290961 - info@masadamilano.it | Powered by Swoon Mood | Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?